Oak Studio, perché...

Come tutte le storie migliori anche la nostra comincia quasi per caso, nel 2012, quando una serie di eventi ci fa incontrare come amanti della fotografia.
Diventa chiaro fin da subito che la sintonia che si era instaurata su temi come la fotografia, l’arte e molto altro meritava di evolversi in qualcosa che ci permettesse di mettere tutta la nostra passione e professionalità al servizio degli altri.
Nasce quindi Oak Studio, un contenitore che ci ha permesso ampliare i nostri servizi andando a toccare diversi ambiti della fotografia e della comunicazione visiva in generale.

La nostra passione principale rimane comunque fotografare le persone. I ritratti e soppratutto i matrimoni sono stati e restano la parte principale del nostro lavoro, quella che ci da più soddisfazioni sia sul piano lavorativo ma soppratutto su quello umano.
“Manlio e Riccardo” è il nostro modo di presentarci al mondo, di raccontare chi siamo, cosa amiamo e cosa vogliamo fare con la speranza di poter contribuire, con le nostre fotografie emozionali, alla felicità delle persone che incontriamo lungo il nostro cammino.

Riccardo

Sono un ragazzo, piuttosto estroverso ed ironico.
Adoro fotografare i matrimoni perché in questi eventi posso usare vari approcci nei diversi momenti della giornata, posso spaziare con un reportage, posso fare una pausa inserendo uno shooting quasi glamour, posso concentrarmi sui dettagli, insomma posso divertirmi, scoprire e sperimentare a 360 gradi.
L’aspetto tecnico è fondamentale ma ogni matrimonio è una storia e va vissuta a pieno per poter essere raccontata nel modo migliore
Mi piace sciare, nuotare e godere di ciò che mi circonda al 100%
Mi piace l’architettura, la moda e l’azione
Film Preferito? “Il Divo”, anche se la vera passione sono le serie tv come “I Griffin”, “I Simpson”, “American Dad”, “The Big Bang Theory” e affini
Scrittore Preferito: Joel Dicker
Musica? David Bowie, Queen, The Who, Bruce Springsteen
Viaggio dei sogni? Un mese a spasso tra i fiordi norvegesi e la Scozia

Manlio

Sono un ragazzo timido. Amo osservare e raccontare.
La fotografia ,ed in particolare la fotografia di matrimonio è per me un modo di incontrare e raccontare persone sempre diverse ed il loro amore in giro per tutta l’Italia.
Amo osservare, a volte anche a lungo, per riuscire a cogliere attraverso fotografie spontanee tutti quei dettagli che rendono unica la coppia che ho davanti.
Tutto questo senza lasciare da parte la tecnica, nella quale, anche a causa della mia formazioni in campo informatico, pongo molta attenzione e cura.
Mi piacciono la montagna, i lego, i film, la tecnologia ed i giochi da tavolo.
Film preferito? “I Goonies”, “To the wonder”, “Shining” e “Rick and Morty”.
Scrittore preferito? C. Bukowski
Musica? Punk o Elettronica
Viaggio dei sogni? Burning Man

TYPE AND HIT ENTER